Rivetto a fiore: ottimi per unire superfici diseguali

Il nome rivetto a fiore deriva dalla forma della boccola e dalla particolare deformazione che assume durante il fissaggio. Al momento dell’applicazione si apre infatti in più parti, formando una testa di chiusura molto ampia che va ad accostarsi perfettamente con le superfici da fissare. La vasta espansione permette di distribuire al meglio il carico e la forza di serraggio, evitando di schiacciare o rompere le superfici. Ecco perché i rivetti a fiore, talvolta chiamati anche rivetti a ragno, sono particolarmente indicati per unire materiali disuguali. Sono ad esempio la soluzione ideale per fissare lamiere metalliche rigide a superfici morbide, come legno o plastica. Oltre ai rivetti a fiore in alluminio, i più comuni, esistono anche altre varianti, come ad esempio i rivetti a fiore in acciaio e alluminio. Tutti sono disponibili in diverse misure di diametro e lunghezza e assicurano fissaggi precisi, di alta qualità e duraturi.

rivetto a fiore
Rivetti a fiore
Ai vantaggi di un rivetto a strappo standard, i rivetti a fiore aggiungono altre caratteristiche che li rendono specifici per particolari tipi di fissaggio. Ci riferiamo soprattutto a:

Quando devi unire superfici diverse tra loro o con una bassa resistenza, i rivetti a fiore sono lo strumento ideale. Anche su materiali morbidi come plastiche, fibre o legno riescono a garantire un’ottima presa che si traduce quindi in fissaggi robusti. Inoltre un rivetto a fiore si presta anche ad essere inserito su fori sovradimensionati. Anche in questo caso l’aderenza del rivetto sarà eccellente e di conseguenza anche l’efficacia della rivettatura. Nonostante la forte aderenza, questo tipo di rivetti non rovina la superficie di contatto. La loro particolare forma distribuisce il carico e la forza del serraggio in modo uniforme, evitando così graffi, rotture o deformazioni del materiale su cui sono inseriti. Per questo sono particolarmente adatti anche su superfici trattate con vernici o smalti. L’ampia gamma di rivetti a ragno proposta su Trovarivetti.it comprende rivetti di ogni dimensione, perfetti quindi per unire superfici di spessore molto vario.

I materiali da rivettare consigliati per i rivetti a fiore

I rivetti a fiore, indicati per superfici disuguali, sono consigliati per fissare materiali rigidi con materiali fragili o a bassa resistenza. Puoi quindi utilizzarli su:
rivetti a fiore
Rivetti a fiore

La particolarità di poter unire materiali così diversi tra loro rende i rivetti ragno praticamente unici nel loro genere. Sono perfetti per assemblare ad esempio una lamiera in metallo con superfici in plastica o legno. Ma anche fibre o altri materiali morbidi o facilmente frantumabili. Puoi comunque utilizzare i rivetti a fiore anche su una sola tipologia di materiale, come accade in molti settori. Nell’artigianato, ad esempio, il rivetto a fiore è usato molto nella lavorazione del pellame. In generale può invece essere un’ottima soluzione per fissare cartoni o cartonati tra loro. I materiali che più si prestano all’utilizzo dei rivetti ragno sono quindi superfici morbide, a bassa resistenza e facilmente frantumabili. Spessori cioè che, se uniti con un rivetto a strappo standard, rischierebbero di spezzarsi, rompersi o comunque rovinarsi.

I tipi di applicazione dei rivetti a fiore

Per le loro specifiche caratteristiche e l’ottimo rapporto tra qualità del fissaggio e costo, i rivetti a fiore trovano applicazione in moltissimi contesti. Tra i più comuni ci sono:

Vista la varietà di superfici su cui possono essere applicati, è inevitabile che i settori di impiego dei rivetti ragno siano davvero numerosi e vari. Chi lavora nell’automotive usa i rivetti a fiore per l’assemblaggio di componenti sia interne sia esterne come, rispettivamente, le tappezzerie dell’abitacolo di auto, camion, roulotte, camper o le targhe. I rivetti ragno sono indicati per tutte le componenti in plastica, presenti non solo nelle vetture ma anche negli elettrodomestici e apparecchi elettronici. In edilizia sono invece impiegati ad esempio all’interno dei laterizi forati oppure nei rivestimenti isolanti o nelle pareti in cartongesso. Anche la falegnameria fa ampio ricorso ai rivetti a fiore, perfetti per la lavorazione del legno, sia a livello industriale, sia artigianale.

Esempi di rivetti a fiore

Diametro nominaleLunghezzaDiametro testaAltezza testaProdotto
4 mm10 mm8 mm1 mmvai al prodotto
4 mm12 mm8 mm1 mmvai al prodotto
4 mm14 mm8 mm1 mmvai al prodotto
4 mm16 mm8 mm1 mmvai al prodotto
4 mm18 mm8 mm1 mmvai al prodotto
4 mm20 mm8 mm1 mmvai al prodotto
4,8 mm10 mm9,5 mm1,1 mmvai al prodotto
4,8 mm12 mm9,5 mm1,1 mmvai al prodotto
4,8 mm14 mm9,5 mm1,1 mmvai al prodotto
4,8 mm16 mm9,5 mm1,1 mmvai al prodotto
4,8 mm18 mm9,5 mm1,1 mmvai al prodotto
4,8 mm20 mm9,5 mm1,1 mmvai al prodotto
4,8 mm21 mm9,5 mm1,1 mmvai al prodotto
4,8 mm25 mm9,5 mm1,1 mmvai al prodotto
4,8 mm30 mm9,5 mm1,1 mmvai al prodotto
4,8 mm35 mm9,5 mm1,1 mmvai al prodotto
4,8 mm40 mm9,5 mm1,1 mmvai al prodotto
4,8 mm20 mm9,5 mm1,4 mmvai al prodotto
4 mm16 mm8 mm1,3 mmvai al prodotto
4,8 mm16 mm9,5 mm1,4 mmvai al prodotto
5 mm20 mm9,5 mm1,4 mmvai al prodotto